CONCESSIONE IN USO SPAZI COMUNALI (SALE CIVICHE, PALESTRE, AMBULATORIO)

Data di pubblicazione:
01 Dicembre 2022

Possono essere concessi in uso a quanti ne facciano richiesta, secondo le modalità stabilite negli articoli successivi, i seguenti spazi comunali:

Spazi di tipo A:

  • Sala Civica di Sorgà;
  • Sala Civica di Bonferraro;

Spazi di tipo B:

  • Palestra di Sorgà;
  • Palestra di Bonferraro;

Spazi di tipo C:

  • Ambulatorio

L’utilizzo dei suddetti spazi è prioritariamente riservato ad incontri, riunioni, manifestazioni organizzati promossi o patrocinati dal Comune, di carattere istituzionale, sociale, culturale, scientifico, sanitario, artistico e sportivo.

L’uso degli spazi comunali di tipo A e B, è di norma, concesso ad Enti, Associazioni, Organizzazioni culturali, sportive, ricreative, assistenziali, politiche e sindacali.

L’uso degli spazi comunali di tipo C è riservato a Medici e a Enti, Associazioni, Organizzazioni e operatori sociosanitari e assistenziali.

Il canone, che l’utente dovrà versare a titolo di rimborso, è fissato con delibera di Giunta Municipale.

Per l’utilizzo che si protrae per più giorni le tariffe stabilite dalla Giunta Municipale vanno moltiplicate per il numero dei giorni.

Sono esentati dal pagamento del canone degli spazi comunali di tipo A e B:

  • i gruppi consiliari;
  • le Associazioni, Enti o Organizzazioni di promozione sociale e/o di volontariato iscritte negli albi previsti dalle leggi 266/1991 e regionali n. 40 del 1993;
  • i partiti politici.

Sono altresì esentate dal pagamento del canone, la Sala Consiliare, l’Ufficio del Sindaco in caso di celebrazioni di matrimoni.

L’uso degli spazi comunali di tipo A e B è riservato alle sole riunioni pubbliche o aperte al pubblico.

Sono esentati dal pagamento del canone degli spazi comunali di tipo C le Associazioni, Enti o Organizzazioni sociosanitarie e assistenziali che forniscono servizi gratuiti alla cittadinanza.

L’utilizzo degli spazi comunali potrà essere interdetto dal Sindaco per motivi di ordine pubblico o di pubblica incolumità.

I firmatari della richiesta di concessione degli spazi assumono personalmente ed in solido con l'Ente, Associazione ed organizzazione che rappresentano la responsabilità e la conservazione dell'immobile concesso e dei mobili ed arredi ivi esistenti.

Sono a loro carico tutti i danni da chiunque causati durante la manifestazione.

 

Gli spazi comunali devono essere lasciati in ordine dopo il loro utilizzo. In caso di utilizzo per più giorni a titolo continuativo i richiedenti devono altresì provvedere alla pulizia dei locali e degli spazi fruiti, ivi comprese le zone di transito quali scale, corridoi, ingressi, secondo le modalità da concordare preventivamente con il responsabile.

Sarà cura del concessionario ritirare con congruo anticipo copia delle chiavi di accesso allo spazio in concessione (sala, palestra, etc.).

Il concessionario ha l’obbligo di riconsegnare le chiavi il giorno successivo al periodo di utilizzo dello spazio avuto in concessione.

In caso di mancata riconsegna delle chiavi verrà addebitato al concessionario il costo giornaliero dello spazio che ha avuto in concessione per ogni giorno di ritardo.

 

Per improvvise, impreviste ed inderogabili necessità dell'Amministrazione Comunale, la concessione degli spazi comunali può essere revocata in ogni momento.

In tal caso, il Comune è sollevato da ogni obbligo di rimborsare ai richiedenti qualsiasi spesa da essi sostenuta o impegnata, ovvero di corrispondere qualsivoglia risarcimento di eventuali danni, fatta eccezione per l'importo del canone già versato.

E’vietata qualsiasi forma di cessione o sub-concessione degli spazi comunali avuti in concessione.