Corte Grimani - Pontepossero

...

Palazzo Grimani fu edificato nel Seicento sul sito dell'antico castello di Pontepossero dalla famiglia Grimani di Venezia, che aveva acquistato il complesso nel Quattrocento da Jacopo dal Verme.

Il palazzo conserva tutta l’originalità e l’eleganza delle forme seicentesche. Non ci sembia azzardato ipotizzare una partecipazione progettuale o ideativa di Baldassarre Longhena nella costruzione dell’edificio, perché non poche soluzioni, proprie di questo architetto, sono qui impiegate. Fra queste possiamo annoverare: il corpo centrale a tre piani sormontato da timpano e pinnacoli che sovrasta la rimanente costruzione conferendo slancio all’intero complesso, già sperimentato dal Longhena nella Villa Pesaro di Este; le testine poste a chiusura degli archivolti dei portali del primo e secondo piano, spesso impiegati dal Longhena e poi adottate dall’architettura veneziana seicentesca; i due piccoli raccordi a volute del timpano, riproduzione in miniatura di quelli della veneziana chiesa della Salute; lo strano destino che accomuna questa costruzione con la villa Widman di Bagnoli, che il Longhena lasciò incompiuta e priva dell’ala sinistra. Anche l’epoca di costruzione, terza o quarta decade del Seicento quando il Longhena era l’architetto emergente, e la provenienza veneziana dei commitrenri, danno ulteriori forza all’ipotesi suggerita.

Le barchesse del lato nord della corte devono aver subito invece profonde ristrutturazioni nella seconda metà del Settecento, quando il porticato a pilastri, rappresentato in un disegno del 1738, venne sostituito da quello a volti.

Nella prima metà dell’Ottocento la villa padronale, che veniva censita come Casa di Villeggiatura, era intestata a Leonardo Grimani, figlio di Antonio e nipote dell’altro Leonardo, che possedeva, nel comune censuario di Pontepossero, 1575 campi. Nel 1846 l’intera tenuta fu ceduta a Valentino Comello, residente nella parrocchia veneziana di S Canciano 7. Il passaggio di proprietà venne perfezionato il 9 luglio 1849.

Corte Grimani si trova nella frazione di Pontepossero in via Matteotti, 3. Proprietari antichi Grimani di S. Marcuola; Comello. Proprietari attuali: Lia Nuvolari in Sagramoso. (tratto da "LE CORTI RURALI TRA TARTARO E TIONE" Remo Scola Gagliardi Ed. Nuovi Orizzonti)

Gallery

CORTE_GRIMANI.JPG